Archivi Blog

Vivere con lentezza e con gli amici

Siamo in pieno periodo olimpico, dove tutti aspettano con ansia ed ammirazione le prestazioni da semidei degli atleti in gara: chi fa più punti, chi salta più in alto o chi più in lungo, chi lancia oggetti di varie forme più lontano, chi solleva o chi resiste di più, chi va più veloce. Più veloce di chi? dei suoi simili, ovviamente. Ma la gara è troppo breve! Anni ed anni di allenamenti per giocarsi tutto in meno di 10 secondi, che gusto c’è! Devono aver pensato questo il gatto di Simon ed i suoi amici, ragione per la quale hanno organizzato la più entusiasmante gara di velocità della storia del giardino. Guardate con attenzione tutti i fantastici dettagli di questo breve cartone animato.

Ci risentiamo dopo Ferragosto! Buon divertimento e continuate a leggerci!

Annunci

Siete sicuri?

Da appassionato studioso comportamentale del mondo felino, spesso mi capita di travisare completamente ciò che vedo. In realtà mi capita spesso anche con gli umani, ma ciò è comprensibile, essendo gli umani per loro natura travisanti. Il mio desiderio di riuscire a comunicare con i gatti mi fa cercare in ogni loro sguardo, movimento, suono, un significato che possa avere una decodifica umana, dando per base (ovviamente errata di massima) che il loro ragionamento sia di tipo umano e non felino.

Per questa ragione, vi propongo una pagina che ironizza sul mio, e di tanti altri, modo di guardare al mondo felino. È in inglese ma è molto semplice da comprendere. Si potrebbe tradurre Da cosa si capisce che il tuo gatto sta pianificando di ucciderti. In maniera estremamente ironica e divertente lo schema interpreta normali comportamenti felini come indizi per un possibile complotta omicida nei nostri confronti. Il fare il pane non sarebbe un gesto di rilassamento o d’affetto, bensì un controllo dei nostri organi interni per capire il punto debole. Se troviamo la lettiera sparsa per tutta la casa, non è perché la litterbox è troppo piccola, ma perché il gatto si sta esercitando per fare buche e nascondere il nostro corpo. Le prede che ci portano in casa non sono regali, sono avvertimenti. Insomma, tutto è molto divertente… spero.

Ehi mici, perché mi guardate così?