Archivi Blog

Oggi è la Giornata del Gatto Nero! Amateli!


Oggi 17 novembre è la giornata per tutti i gatti neri. Da troppo tempo ormai i gatti neri sono protagonisti di stupide superstizioni. Il problema è che tali superstizioni portano l’uomo a compiere azioni disumane nei confronti di queste meravigliose creature. La giornata fu istituita dall’Aidaa, l’Associazione Italiana difesa Animali ed Ambiente, e prosegue ancora oggi la campagna di sensibilizzazione. Sappiate che i gatti neri sono sinonimo di fortuna. Credetemi. Se volete, mandateci la foto del vostro micione nero. Ne saremo felici. Grazie.

Annunci

Halloween e gatti neri: una combinazione non facile.

Bene, oggi è Halloween. Tutti conoscono la tradizionale festa americana, sanno della zucca, dei dolcetti e degli scherzetti e tutto ciò che di ludico e divertente la festa rappresenta. Pochi sanno cosa si festeggia veramente, e non ci interessa neanche. Ormai è diventata una sorta di nuovo “Carnevale dell’orrore”, non perché sia brutto, anzi, ma solo perché a differenza del tradizionale Carnevale, le maschere hanno come soggetto principale personaggi tratti dal mondo dei “film de paura” e della letteratura collegata. Tutto bello, tutto divertente. Finché non si toccano i gatti.

Purtroppo il mondo è abitato anche dai degli sconsiderati, ed uso parole non offensive per rispetto ai lettori del blog, che approfittano di occasioni come Halloween, per dare sfogo ai loro più bassi istinti violenti e di non rispetto verso gli altri, soprattutto se “gli altri” sono inermi e meravigliose creature come i gatti. Poiché tali persone, se così le posso chiamare, hanno solitamente un bassissimo livello culturale, di conseguenza sono anche superstiziose, e poiché Halloween è “la notte delle streghe”, non trovano niente di meglio da fare che dare la caccia alle streghe, rappresentate, nel loro minuscolo immaginario demenziale, dai gatti neri. Oppure sono semplicemente persone cattive, adulti e ragazzini, che non hanno avuto una corretta educazione. Sappiate che è normale in America che qualche giorno prima e dopo le giornate della festa di Halloween, i proprietari di gatti neri tengano i loro felini chiusi in casa. Inoltre i gattili non prendono in considerazione richieste di adozione di gatti neri nei giorni di Halloween. Sembra quasi incredibile, vero?

Ci sono anche gli effetti collaterali indesiderati e non provocati dall’uomo: dovete sapere che la zucca, elemento principale della festa, e quindi presente ovunque, anche se non rientra tra gli alimenti tossici per i gatti, a causa della sua consistenza è potenzialmente pericolosa se ingerita in quantità, perché potrebbe provocare danni come un blocco intestinale.

Poi ci mettiamo anche coloro, amanti degli animali, che pensano che vestire i gatti per la festa sia divertente. Forse lo è per gli umani. Che lo sia anche per i gatti non ne sarei proprio certo. Se proprio volete rendere partecipe il vostro felino di casa, provate a mettergli addosso un piccolo oggettino arancione, senza provare ad infilarlo in un abito da Zorro. Mi raccomando, niente ciccolata, eh!

Che poi sono i gatti neri quelli che se la passano peggio, sempre per il solito problema per il quale pare siano forieri di sfortuna, ancora nel XXI secolo, se attraversano improvvisamente il vostro percorso. A parte che magari siete voi che portate sfortuna a loro, lo sapete che in varie e civili parti del mondo il gatto nero è simbolo di fortuna e fonte di guadagni insperati?

Ciò avviene nella maggior parte dei paesi asiatici.

In Inghilterra il gatto nero è un portafortuna, tranne che nello Yorkshire, vai te a capire perché.

Se un gatto nero appare improvvisamente sulla vostra porta di casa e voi avete la casa in Scozia, allora sono in arrivo lauti guadagni.

Nel 18° e 19° secolo le mogli dei pescatori del Nord Europa cercavano con cura gatti neri poiché pare assicurassero il ritorno del marito a casa, sano e salvo.

In Giappone, le ragazze in cerca di marito hanno sempre un gatto nero, perché sanno che porterà loro un elevato numero di pretendenti.

Voi direte che anche queste sono forme di superstizione, giustamente. Infatti non credo neanche a queste. Perlomeno danno un valore positivo ai mici ed inoltre c’è una verità assoluta: non importa se vi porterà fortuna o sfortuna, ma se riuscirete a conquistare l’affetto di un gatto nero, vuol dire che avrete conquistato un immenso tesoro inestimabile. Garantito.

Gatto nero: un vero portafortuna!

Foto By Flickr

I padroni dei gatti saranno certamente felici e orgogliosi della foto che questa settimana ha ricevuto più like e si merita questo “Posto d’onore” sul blog.

Il gatto nero, protagonista di mille vicende e dicerie, perlopiù negative, è invece amatissimo dai padroni, alla stessa stregua degli altri, ovvio, ma forse con un po’ di amore in più, proprio per preservarlo dalle sfortune che i luoghi comuni gli attribuiscono senza motivo alcuno.

A questo proposito cogliamo l’occasione per segnalare un’iniziativa interessante che ha come protagonista proprio il gatto nero:

in occasione della Giornata Internazionale del Gatto, il 17 Novembre, l’associazione “A coda alta” propone un’iniziativa chiamata Gatto Nero 2011: in pratica si tratta di scrivere storie, aneddoti e episodi particolari di chi ha o ha avuto un gatto nero, allegando anche foto.

Tutto il materiale sarà pubblicato online e per un mese sarà possibile votare il proprio gatto preferito: alla fine il vincitore sarà premiato con una speciale targhetta di premio “Gatto Nero 2011” e comunque le immagine e le storie ricevute saranno inserite in un libro virtuale consultabile online.

Maggiori informazioni qui

EVVIVA IL GATTO NERO!