Archivi Blog

Gatti contro Umani

Non preoccupatevi, non è il titolo di un nuovo film di Fausto Brizzi, non ne abbiamo bisogno. Bensì è il nome di un sito/blog di vignette umoristiche di una simpatica ragazza americana, Yasmine Surovec. Le vignette raccontano la sua vita di relazione con i gatti ed altri umani. Impossibile non riconoscersi in molti dei suoi racconti visivi.
La sua prima vignetta pubblicata racconta di quei posti dove i gatti dormono e dove in realtà non dovrebbero.

I disegni hanno un tratto morbido e colori tenui, ma non sempre l’argomento trattato è sdolcinato, anzi, si toccano punte di meraviglioso cinismo.

Se volete saperne di più, visitate il sito http://catversushuman.blogspot.it/ e divertitevi. Potete comprare anche i suoi libri.

Annunci

Segreti svelati?

In seguito al post di venerdì della settimana scorsa, sono rimasto molto colpito dalla quantità di materiale che circola in rete riguardante la voglia di scoprire i segreti dei gatti, filmandoli di nascosto, o meglio ancora, dotandoli di una piccola telecamera ciondolante dal loro collarino o inserendo in esso, il collarino, un GPS in modo tale da poter controllare i movimenti e gli spostamenti nel territorio dei mici. Una famosa azienda farmaceutica ha condotto uno studio in collaborazione con Roger Tabor, un famoso comportamentalista felino inglese, realizzando 768 ore di registrazioni GPS e 150 ore di filmati, utilizzando come reporter nove gatti.

Potete scaricare il PDF del report da questo sito http://www.spotonwormer4cats.com.

Eccovi il video di presentazione del report.

Vediamo chi comanda!

Da che mondo è mondo, forse anche un po’ prima, una relazione umano-animale ha sempre comportato la definizione, o meglio, la determinazione del ruolo del padrone. Spesso dandola per scontata, ancora più spesso, sbagliando. Negli ultimi anni, forse a causa di un’espansione del concetto di “politicamente corretto”, il termine padrone non viene molto utilizzato neanche tra i possessori di cani. Per quanto riguarda i gatti? A chi spetta il ruolo di padrone nella relazione uomo-gatto? Vediamo se vi riconoscete nelle seguenti condizioni e poi datevi una risposta.

1) La routine mattutina (ed anche quella serale).
Non vi dispiacerebbe dormire qualche minuto in più, ma le zampe del gatto sulla pancia non rendono la cosa semplice, soprattutto se stanno facendo il pane. Vi alzate, pantofole e prima di andare in bagno riempite le ciotole di croccantini per la sua colazione, poi vi preparate il caffè. Prima di uscire per andare in ufficio, controllate che le ciotole siano sufficientemente ricche di croccantini e d’acqua, onde evitare di trovare una forma di vita in preda alla fame al vostro ritorno. La sera, appena tornate a casa, la vostra prima preoccupazione è preparare il pasto serale del vostro, o dei vostri gatti. Una volta soddisfatte le loro richieste, preparate la vostra cena e mangiate, ma non ad una velocità sufficientemente elevata che vi consenta di raggiungere il divano prima di loro. Certo, voi scegliete il programma da guardare, ma andate a letto solo dopo che lui si sarà alzato dal vostro grembo per andare nella cuccia, al primo sorgere del sole.

2) La scelta del compagno ( o della compagna).
Siete single e vivete con un gatto, o più d’uno. Iniziate a frequentare una persona che ritenete molto interessante e che da “interessante” potrebbe diventare “importante” nella vostra vita. Nasce una relazione. La portate a casa. Anche l’altra persona sostiene di amare i gatti. Un giorno inizia a dire ” il divano è un po’ sciupato e che ci sono molti peli”, “ma devono per forza dormire in camera?”, “credo mi stia venendo un po’ di allergia”. Questa persona, per voi, non è più così “importante” e neanche “interessante”.

3) Il letto
Avete un bellissimo letto matrimoniale. Con materasso ortopedico, doghe in legno e che si alza per poter mettere un sacco di cose dentro. E tre gatti. Passate davanti ad un negozio di arredamento e pensate “certo, se avessimo un letto più grande potremmo stare tutti più comodi”.

4) L’Agenzia Immobiliare
Avete la necessità di cambiare casa, per lavoro o per amore. Mentre guardate gli annunci sul giornale specializzato, la vostra prima preoccupazione non è se sarà sufficientemente grande, bello, spazioso, luminoso, vicino al centro, elegante, signorile, 4, 5, 6 vani, termo singolo, doppi servizi, con garage e cantina. La prima preoccupazione è “c’è posto sufficiente per i miei gatti? e gli piacerà?”.

5) L’Album fotografico
Non importa quanti parenti abbiate, quanti fidanzati o fidanzate avete avuto nella vostra vita. Non importa se avete figli, nipoti, pronipoti belli come il sole. Non ha nessuna importanza se avete girato il mondo visitando le località più esotiche del pianeta, se avete fotografato albe e tramonti ad ogni latitudine. La prima foto che uno vedrà entrando in casa vostra sarà quella del vostro gatto.
Così come troneggia sul cellulare e sul desktop del vostro computer.

6) Il ritorno a casa
È tardi, siete stanchi, dovete scaricare un sacco di cose dalla macchina. La prima cosa che fate appena scendete è guardare verso la finestra di casa vostra che dà sulla strada e salutare con un cenno della mano il vostro gatto che vi guarda, perché sapeva che stavate arrivando.

Bene, fate i vostri conti. Se avete vissuto o state vivendo alcune, se non tutte, queste situazioni, sappiate che il vostro ruolo nel rapporto umano-felino è assolutamente definito.

 

Rimedi casalinghi per cani e gatti

Per la rubrica dei libri, che ho iniziato alcuni giorni fa, vi segnalo Rimedi Casalinghi per cani e gatti, un libro che è comodissimo avere in casa, perché non solo aiuta a capire e risolvere eventuali problematiche che si possono presentare con gli animali di casa, ma produce delle case history che rendono la lettura piacevole e non “solo manualistica”.

L’ha creato la redazione scientifica di Prevention e non porta l’esperienza solo di veterinari, ma anche di allevatori ed esperti. Non stiamo parlando solo di rimedi medici, come la cura della nonna, ma anche problemi di tipo psicologico e comportamentale ed aiuta a non farsi trovare impreparati quando il vostro micio (oppure il vostro cagnolino) incomincia ad avere comportamenti che non sono facilmente comprensibili a noi esseri umani inferiori.

Credo sia un valido aiuto. Buona lettura.

Rimedi casalinghi per cani e gatti
Trad. di G. Lomazzi
TEA Pratica
pp. 412