Le piante del Natale

Come tutti gli anni, le case degli italiani nel periodo natalizio si arricchiscono di decorazioni che hanno la loro origine da antiche tradizioni pagane. Sto ovviamente parlando dell’albero tutto decorato di palle e festoni, del quale ho già dissertato in un precedente post. Accanto al suddetto albero appaiono spesso altri tipi di flora, anch’essa legata a doppio filo alle festività di stagione: l’agrifoglio, le Stelle di Natale, il vischio, foriero di baci rubati sotto la porta di casa, al quale sono legato particolarmente poiché il suo nome è alla radice del mio cognome, ma questo non è un blog di araldica, andiamo avanti.

Come tutte le novità che entrano in casa, anche le piante natalizie sono oggetto di approfondito studio da parte dei nostri mici, che per loro indole, hanno il desiderio, non solo di capire bene come son fatte, ma anche di sapere che sapore hanno. Eccoci arrivati al punto cruciale: le piante di Natale possono essere tossiche per il vostro gatto. Vediamone alcune, le più diffuse, in dettaglio:

Agrifoglio (Ilex sp.) – Verde e con delle belle bacche rosse, molto attraenti, se ingerita può causare vomito intenso e diarrea. Inoltre può indurre alla depressione.

Vischio (Phoradendron spp.) – Diffusissimo in tutte le case, anche questo se ingerito può causare vomito e diarrea. Inoltre se ingerito in quantità elevate può causare difficoltà respiratore e bradicardia, fino ad essere letale, per cui state molto, molto attenti, e se proprio non potete farne a meno, tenetelo nel sacchetto trasparente nel quale viene solitamente venduto, ben sigillato e lontano dalla portata degli artigli.

Stella di Natale (Euphorbia) – Probabilmente la pianta natalizia più diffusa e regalata, è tossica ma non tantissimo. Più che altro può dare irritazione alla bocca ed allo stomaco. Alcuni non la considerano neanche tossica.

Cactus di Natale (Schlumbergera) – Tossica più per i cani, che per i gatti, dicono, ma noi stiamoci attenti. Può provocare fenomeni di diarrea e vomito anche con presenza di sangue, per cui molto fastidiosi. Inoltre può causare depressione. Bisogna anche dire che per avere tali effetti deve essere ingerita in grandi quantità.

Ciliege di Gerusalemme (Solanum pseudocapsicum) – Sembrano più pomodorini che ciliege, fatto sta che pur non essendo diffusissime, possono provocare svariati danni: oltre ai classici vomito e diarrea, anche convulsioni, ulcere, depressione, shock fino ad essere letali. Direi che sono evitabili.

Per avere un quadro completo, anche di quelle meno diffuse, potete trovare l’elenco, in inglese, in questo articolo.

Domani mangeremo qualcosa di più… appetitoso.

Fonte| PetPlace

Annunci

Pubblicato il 19 dicembre 2011, in Consigli, Salute con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: