Home Alone!

Chi convive con un gatto, soprattutto se da poco tempo, spesso viene preso dalla “ansia da abbandono”, anche temporaneo, se costretto per motivi di lavoro o qualunque altra ragione, a lasciare l’amato felino da solo a casa anche per un periodo dell’ordine di alcune ore. Il problema è ovviamente riferito a se stessi, la colpa che sentono nel lasciare il micio da solo, il quale, molto probabilmente, non vede l’ora che l’intruso esca dal suo territorio. Tant’è.

Per chi è afflitto da tale forma d’ansia vi illustro alcuni passatempi che potete proporre al vostro felino per divertirsi un po’ durante la vostra assenza. Mica potrà dormire tutto il giorno!

1. Allestitegli un’area ricreativa.

Quando il gatto ha voglia di giocare, è importante che ci sia uno spazio che sia organizzato per soddisfare questo suo desiderio. Non c’è bisogno di avere una camera in più da trasformare in un luna park per gatti. Basterà un angolino, magari in prossimità di una finestra. É importante che ci sia un posto dove possano liberamente sgraffiare ed arrampicarsi, se poi possono raggiungere un punto dal quale osservare l’esterno, state sicuri che godranno di ore di intrattenimento. Macché televisone! Cosa c’è di meglio dell’osservare il vicinato e di cosa succede negli appartamenti accanto. Non c’è bisogno di fare acquisti dispendiosi, se siete degli adepti della divinità Bricolage, potrete usare materiale di recupero, legno e tessuti, per allestire una mensola sulla finestra. Se poi siete posseduti anche da uno spirito perverso, posizionare un abbeveratotio per piccoli uccelli, fuori dalla finestra, garantirà ore di distrazione, ed anche un po’ di frustrazione, al vostro gatto.

Per iniziare nel modo più semplice, agganciate un po’ ovunque casa dei giocattolini e lasciateli a penzoloni, così il gatto avrà qualcosa da colpire. Palline, con campanellini o pelose lasciate sul pavimento di casa, possono servire a far scatenare degli inseguimenti che possono durare anche ore. Un avvertimento per chi decide di adottare questo tipo di intrattenimento: ricordatevi che avete sparso il pavimento di casa di palline ed altri oggetti che potrebbero essere causa di visita al traumatologico, per voi o per i vostri ignari ospiti. Quelli non felini.

2. Trovategli un “amico”

Se il vostro gatto è “figlio unico”, potreste considerare l’idea di adottare un fratellino o una sorellina. Ricordatevi che non basta portare il nuovo amico in casa per farlo accettare dal vosto gatto, specialmente se è un gatto già adulto e che si considera il re assoluto dell’appartamento. Scusate, ho sbagliato verbo. Non “che si considera”, bensì “che è” il re assoluto. È comunque uno sforzo che vale la pena affrontare. Avere una compagnia da amare e da leccare è impagabile. Se ci sono due gatti in casa non ci sarà poi molto più bisogno di inventarsi giochi e divertimenti per loro. Ci penseranno da soli!

3. Enigmi e spuntini

Se il vostro gatto è particolarmente attratto dagli spuntini fuori pasto e dalla risoluzione di enigmi, una soluzione potrebbe essere una serie di giocattoli appositamente costruiti per loro. In pratica sono delle palline o comunque dei contenitori, all’interno dei quali nascondere una chicca che il gatto deve riuscire a tirar fuori con l’ingegno. Muscoli e cervello trovano così una buona palestra. Questi sono un po’ più complicati da costruire da soli, ma ne potete trovare di diversi tipi in tutti i negozi per animali o su internet.

4. Suoni morbidi

Il poeta William Congreve scrisse che “la musica ha il fascino per ammorbidire una bestia selvaggia”. Sappiamo che è vero se parliamo dell’uomo selvaggio, ed è anche vero per i nostri felini casalinghi addomesticati. Se vedete che il vostro gatto gradisce un certo tipo di musica, cercate di fare una raccolta dei suo brani preferiti e fategliela sentire durante la vostra assenza. Se avete dubbi, andate sul sicuro con un po’ di musica classica, pianoforte e archi, eviterei trombe e timpani. Se poi vi volete buttare sulla musica New Age, non meravigliatevi se poi tornate a casa e trovate il gatto nella posizione del Loto.

State tranquilli, il gatto è più che contento di passare un po’ di tempo da solo. Se poi ha degli stimoli tattili e visivi in torno a se, tanto meglio. L’importante è che quando tornate gli facciate sentire la vostra presenza magari con qualche extra coccola. Vi scioglierete come burro al sole. Voi e il gatto. Sicuro.

Fonte| Traduzione ed elaborazione da We Cere2

Annunci

Pubblicato il 17 ottobre 2011, in Consigli, Educazione con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: